campagna di formazione e sensibilizzazione dei tecnici sui temi della sicurezza sul lavoro

I costruttori dell’Ance provinciale da tempo sono impegnati a portare avanti una campagna di formazione e sensibilizzazione dei tecnici sui temi della sicurezza sul lavoro che, nella prima sessione svoltasi a Nicosia, nei mesi di marzo ed aprile, ha riscosso grande successo. Sono stati, infatti, 69 i tecnici tra ingegneri, architetti, geologi, geometri che hanno partecipato alle attività formative organizzate presso l’Istituo per Geometri gentilmente concesso dal dirigente scolastico. 
“Era un’iniziativa necessaria ed importante – ha dichiarato Vincenzo Pirrone, presidente provinciale dell’Ance ed ideatore dell’iniziativa – Abbiamo preso spunto dalle sollecitazioni ricevute dal Prefetto di Enna, che in occasione della stipula dell’accordo di sinergia per superare alcune storture del mercato dei Lavori Pubblici, ha invitato tutti i costruttori ad operare più incisivamente per aiutare i progettisti a migliorare le condizioni di sicurezza nei cantieri e nel contempo rendere più celeri eventuali procedure di candidatura a finanziamento di opere pubbliche”.
Dal prossimo 23 maggio prenderà il via anche la sessione ennese che si terra presso la sede dell’Ance e che registra il tutto esaurito, tanto che si sta concretizzando l’ipotesi di organizzare una ulteriore sessione per soddisfare le richieste che provengono dal mondo dell’edilizia. 
I corsi di formazione per Coordinatori per la sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione sono riservati a tecnici che vengono segnalati dalle aziende associate e sono gratuiti.

Al presidente Vincenzo Pirrone abbiamo chiesto quali risultati si sono avuti dopo l’accordo con la Prefettura sulla sicurezza nei posti di lavoro.

“Abbiamo ricevuto segnalazioni per ribassi eccessivi che hanno superato il 40%, – evidenzia il presidente dell’Ance – cosa che ci lascia sgomenti e che non lascia presagire nulla di positivo per la buona realizzazione di quelle opere che sono state appaltate con questo ribasso eccessivo. La Prefettura si è impegnata di attivare il nucleo interforze per accertare la corretta costruzione di quei cantieri. Anche in tema di ritardi di pagamento abbiamo registrato l’efficienza dell’Ufficio di Governo che si è attivato e che ha consentito di portare a pagamento crediti per 700 mila euro che erano bloccati da oltre un anno. Davanti a tanta disponibilità della Prefettura era un obbligo quello di restituire alla collettività un beneficio con lo stesso impegno registrato da parte dello Stato. Per questo motivo abbiamo risposto all’invito del Prefetto registrando il gradimento dei tecnici, che sono i nostri partner primari su questo delicato argomento”
Questa voce è stata pubblicata in sicurezza sul alvoro. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...