Sanità, artigiani e sicurezza scolastica

Riduzione dei premi per gli artigiani, 50 milioni di euro per la messa in sicurezza degli edifici scolastici e quasi 80 milioni di euro di investimenti in edilizia sanitaria. Sono questi gli ambiti d’intervento dei primi provvedimenti varati, in questi giorni, dal Presidente/Commissario Straordinario dell’INAIL, Marco Fabio Sartori. Le delibere agiscono, così, lungo tre diverse direttrici: l’accoglimento di una delle principali sollecitazioni avanzate all’Istituto da parte del mondo delle aziende, la promozione di una solida politica di sviluppo nel settore sanitario e, infine, la prosecuzione di una strategia di adeguamenti strutturali che già ha riscosso molto consenso nel corso del 2007. Vediamo, nello specifico, i dettagli.
Tariffe ridotte per l’artigianato. La riduzione dei premi assicurativi per gli artigiani si inserisce nell’ambito dei commi 780 e 781 dell’articolo 1 della Finanziaria 2007. Le disposizioni della legge prevedono il riconoscimento di uno sgravio dei premi (a partire dal 1° gennaio 2008) a favore di quelle aziende che hanno effettuato interventi prevenzionali nell’ambito di piani pluriennali concordati tra le parti sociali e che – in regola con gli adempimenti contributivi e con le disposizioni del Testo unico sulla sicurezza – non hanno denunciato infortuni nell’ultimo biennio.
La delibera dell’INAIL, così, stabilisce tale riduzione nella misura del 2% sull’ammontare complessivo dei premi per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali dovuti per il 2008, riservando all’Istituto la facoltà, per il 2010, di provvedere a un conguaglio in negativo dell’importo nel caso le aziende non aderiscano ai piani pluriennali di prevenzione (a seguito, naturalmente, di opportune verifiche). Secondo Sartori “si tratta di un provvedimento che riconosce al settore artigiano l’importanza che riveste nel tessuto economico-produttivo del Paese”.
Investimenti in edilizia sanitaria. Ammonta a 65.200.000 euro e a 13.650.000 euro (esclusi gli oneri fiscali) gli stanziamenti promossi dall’INAIL per l’acquisto in forma diretta rispettivamente degli immobili di Cona (Ferrara) e Padova (già ricompresi nei piani deliberati dal Consiglio d’Amministrazione dell’Ente nel 2005) da adibire al settore sanitario. “Si tratta di un investimento di grande importanza che dimostra la volontà e la capacità di Inail di proseguire nello sviluppo di centri sanitari e riabilitativi di altissimo livello”, ha commentato Sartori. “A Cona verrà, infatti, realizzato un nuovo complesso ospedaliero, mentre a Padova l’immobile verrà destinato alla formazione a favore di persone disabili. In questo modo contiamo di essere sempre più presenti sul territorio, partecipando attivamente allo sviluppo sociale delle comunità”.
Messa in sicurezza delle scuole. Cinquanta milioni di euro, infine, sono stati deliberati da Sartori per il finanziamento di progetti per l’adeguamento di edifici scolastici e l’abbattimento delle barriere architettoniche (come previsto dall’articolo 1, comma 626, della legge finanziaria 2007). L’entità delle risorse da destinare all’iniziativa per il triennio 2007-2009 era già stata determinata dal Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’INAIL in 100 milioni di euro, 30 milioni dei quali per l’anno 2007. L’INAIL ha deliberato, dunque, la prosecuzione dell’iniziativa, disponendo che le graduatorie del 2008 saranno utilizzate anche per l’erogazione della terza annualità del finanziamento, fino a concorrenza dei 20 milioni di euro previsti per l’anno 2009, ad esaurimento dell’importo complessivo per il triennio.
Destinatari del finanziamento sono Enti locali proprietari di edifici scolastici pubblici di istruzione secondaria di primo e secondo grado. “Si tratta di un’iniziativa di grande rilevanza”, ha commentato Sartori, “soprattutto alla luce dei recenti eventi tragici come quello del crollo del liceo di Rivoli”. A breve uscirà il bando, che sarà pubblicato sulla Gazzetta ufficiale e – oltre che sul sito dell’INAIL – anche su quello del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.
Questa voce è stata pubblicata in artigiani e sicurezza scolastica, consorzio infotel, d. lgs 81, dlgs81, Sanità. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...