Tutela delle lavoratrici madri

Con l’interpello n. 26 del 04 agosto 2008, il ministero del Lavoro precisa che il periodo di allattamento in questione non coincide necessariamente con il periodo di un anno che decorre dalla nascita del bambino previsto per il godimento dei c.d. “permessi per allattamento” e che l’interdizione dal lavoro in caso di esposizione a rischio di contaminazione è legata all’effettivo allattamento del bambino.

INTERPELLO N. 26/2008 Roma, 4 agosto 2008 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Alla Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro Via Cristoforo Colombo, 456 00145 Roma DIREZIONE GENERALE PER L’ATTIVITÀ ISPETTIVA Prot. 25/I/0010819

Oggetto: art. 9, D.Lgs. n. 124/2004 – tutela delle lavoratrici madri esposte a radiazioni ionizzanti.

Il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro ha promosso istanza di interpello per conoscere il parere di questa Direzione in ordine alla possibilità per le lavoratrici esposte a radiazioni ionizzanti di astenersi dal lavoro durante il periodo di allattamento o comunque in ordine alle forme di tutela per esse previste.

Al riguardo, acquisito il parere della Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro, si rappresenta quanto segue. La soluzione va preliminarmente cercata partendo dall’esame del Capo II del D.Lgs. n. 151/2001 ed in particolare dalla disciplina prevista dall’art. 7 e dall’art. 8 dello stesso Decreto. Le predette misure per la tutela della sicurezza e della salute trovano applicazione “durante il periodo di gravidanza e fino a sette mesi di età del figlio” a favore delle lavoratrici che abbiano informato il datore di lavoro del proprio stato (art. 6). Durante tale periodo è imposto il divieto di adibire le lavoratrici al trasporto e al sollevamento di pesi, nonché ai lavori pericolosi, faticosi ed insalubri, elencati nell’allegato A del Testo Unico che, alla lett. d), include i “lavori che comportano l’esposizione alle radiazioni ionizzanti” (art. 7). Inoltre, l’art. 8 del D.Lgs. n. 151/2001 reca la disciplina dell’interdizione dal lavoro nel caso di esposizione a radiazioni ionizzanti prescrivendo al primo comma che “le donne, durante la gravidanza, non possono svolgere attività in zone classificate o, comunque, essere adibite ad attività che potrebbero esporre il nascituro ad una dose che ecceda un millisievert durante il periodo della gravidanza”. Il terzo comma impone, altresì, il divieto, per le donne che allattano, di essere adibite ad attività che comportano rischi di contaminazione.

Questa voce è stata pubblicata in D.Lgs. n. 151/2001, infotel, Tutela delle lavoratrici madri. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...